Museo e Real Bosco di Capodimonte

museo-capodimonte

 

Il Museo di Capodimonte sorge sull’omonima collina ed è circondato dal Real bosco, un’area verde estesa per oltre 130 ettari e con più di 400 specie vegetali. Tra i viali, disegnati con maestria da scenografo dall'architetto Ferdinando Sanfelice, si dispongono 16 edifici storici tra residenze, casini, laboratori, depositi e chiese, oltre a fontane e statue, orti e frutteti.

Il sito nasce come riserva di caccia di Re Carlo III ed è stato residenza reale per tre dinastie: i Borbone, i sovrani francesi Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat e i Savoia dopo l'Unità di Italia. Nel percorso si attraversano ambienti sfarzosi, come la Sala della Culla e il Salone delle Feste, e luoghi privati come l'Alcova pompeiana. E poi ritratti di famiglia, oggetti d'arte e di arredo e prodotti di lusso delle manifatture borboniche quali armi, sete e arazzi e la celebre Porcellana di Capodimonte. Capolavoro della manifattura napoletana è il salottino della regina Maria Amalia: un boudoir con le pareti interamente in porcellana policroma realizzato nel 1757-1759.

La Reggia è destinata da subito ad accogliere la Collezione Farnese, già famosa nel Cinquecento, che Carlo di Borbone eredita dalla madre Elisabetta. Alla raccolta Farnese, nel corso dei secoli, si sono aggiunte acquisizioni, oggetti provenienti da chiese e monasteri, lasciti e donazioni, nonché opere d’arte contemporanea donate da artisti e galleristi. Nelle sale si incontrano i capolavori degli artisti di ogni scuola pittorica, quella toscana, veneziana, emiliana, napoletana, romana ma anche importanti presenze straniere come Pieter Brueghel. Molti di questi pezzi sono capolavori assoluti e rinomatissimi, come la Danae di Tiziano, la Crocifissione di Masaccio, la Flagellazione di Caravaggio e il Vesuvius di Warhol.

Oggi il museo è una delle più importanti istituzioni museali d’Europa, con un’area espositiva di oltre 15.000 metri quadri e un patrimonio di circa 47.000 opere che vanno dal Trecento fino ai nostri giorni.

 

mappa

 

SEDE - via Miano 2, 80131 Napoli
TELEFONO - 081 7499111
SITOWEB UFFICIALE - www.museocapodimonte.beniculturali.it
EMAIL - mu-cap@beniculturali.itmucap.accoglienza.capodimonte@beniculturali.it 
PRENOTAZIONI - 848.800.288 oppure +39.06.39967050 dall'estero e dai cellulari dal lunedì al sabato 9-13.30 e 14.30-17
ACCESSIBILITÀ DISABILI - totale
GIORNO CHIUSURA - mercoledì
ORARI - 8.30-19.30 (la biglietteria chiude un'ora prima)
PREZZI – intero 12.00 €, ridotto 8.00 €

Gratuito per i cittadini della Unione Europea sotto i 18
Gratuito la prima domenica di ogni mese


contatti  Servizio accoglienza e valorizzazione:
telefono: 0039 081 7499130   
email: mu-cap.accoglienza.capodimonte@beniculturali.it


COME RAGGIUNGERE IL MUSEO 
Ingressi dal varco di accesso di Porta Grande (Via Bosco di Capodimonte) e varco di Porta Piccola (Via Miano 2).

La navetta Shuttle Capodimonte consente ai turisti di raggiungere il Museo e il Bosco agevolmente dal centro cittadino.
Da Piazza Trieste e Trento in soli 22 minuti con partenze ogni ora.

Autonomamente si può raggiungere il sito da:
– dall’autostrada: 
prendere la tangenziale, uscita Capodimonte.
– dalla Stazione Centrale:
Linea 1 Metropolitana, fermata Museo; proseguire con autobus*
Linea 2 Metropolitana, fermata Piazza Cavour; proseguire con autobus*
– dal centro della città: 
autobus: fermata in Piazza Museo (adiacenze Museo Archeologico Nazionale), linee:
168 e 178 (fermata Porta Piccola, via Miano);
C63 (fermata Porta Grande, via Capodimonte);
R4 (fermata Viale Colli Aminei, distante ca. 200 m da Porta Piccola).
È possibile acquistare i biglietti bus/metro in edicola, bar tabacchi o distributori automatici presso le stazioni metro.
Il Museo di Capodimonte è tra le fermate della linea A del Citysightseeing bus.


Tariffe agevolate per chi viaggia in taxi da e per Stazione Centrale, Piazza Municipio e ZTL Centro Antico.
Una postazione di taxi è presente all’ingresso di Porta Grande in via Capodimonte.

tariffe taxi

 

 

Per raggiungere a piedi il Museo e Real Bosco di Capodimonte si suggeriscono 3 itinerari:

L’itinerario I Due Musei unisce Capodimonte e il Mann attraverso il Ponte della sanità, le Catacombe di San Gennaro, le Scale del Niccolini. (Tempo di percorrenza 30 min – 2 km)

L’itinerario O’ Presepio parte da Porta San Gennaro percorre i Vergini e la Sanità e la collina attraverso Salita Capodimonte.
(Tempo di percorrenza 30 min circa – 2 km)

L’itinerario Il Moiariello parte dalla ex Caserma Garibaldi di via Foria e arriva a Porta Grande risalendo il Moiariello
(Tempo di percorrenza 31 min – 2km)

itinerari

 

caravaggiocolantonio< Caravaggio, Flagellazione. | Colantonio del Fiore, San Girolamo nello studio. >

tizianoparmigianino< Tiziano, Danae. | Parmigianino, Antea. >

galleria cose raresalone feste< Galleria delle cose rare. | Salone delle feste. >

salottino porcellanaalcova pompeiana< Salottino di porcellana. | Alcova pompeiana. >

burrireggia e real bosco< Alberto Burri, Grande cretto nero. | La Reggia e il Real Bosco di Capodimonte. >

belvederegiardino paesaggistico< Lo Spianato e il Belvedere. | Giardino paesaggistico pastorale. >

brueghel gentileschi< Pieter Brueghel, La Parabola dei ciechi | Artemisia Gentileschi, Giuditta e Oloferne >

masacciorecco< Masaccio, Crocifissione | Giovan Battista Recco,Natura morta con testa di caprone >

vesuvius Warholpreti< Andy Warhol, Vesuvius | Mattia Preti, San Sebastiano >

armaturatagliolini< Pompeo della Cesa, Armatura di Alessandro Farnese detta "del Giglio" | Filippo Tagliolini, La Caduta dei Giganti, dett. >

lorrainarmature farnesi< Claude Lorrain, Paesaggio con la ninfa Egeria | Armature farnesi >